Multilingual Folk Tale Database


Information

Author: Giambattista Basile - 1634

Original version in Neapolitan

Source: Lo cunto de li cunti overo lo trattenemiento de peccerille (nr. 5.05)

Country of origin: Italy

Story type: The Sleeping Beauty (ATU 410)

Translations

English - viewaligned

German - viewaligned

Italian - viewaligned


Add a translation

Sole, Luna e Talia

Giambattista Basile

SOLE LUNA E TALIA

Era na vota no gran signore, ch'essendole nata na figlia chiammata Talia fece venire li sacciente e 'nevine de lo regno suio a direle la ventura. Li quale, dapo' varie consiglie, concrusero ca passava gran pericolo pe na resta de lino: pe la quale cosa fece na proibizione che dintro la casa soia non ce trasesse né lino né cannavo o autra cosa semele, pe sfoire sto male scuntro.
Ma, essenno Talia grannecella e stanno a la fenestra, vedde passare na vecchia che filava; e, perché n'aveva visto mai conocchia né fuso e piacennole assai chello rocioliare che faceva, le venne tanta curiositate che la fece saglire 'ncoppa, e, pigliato la rocca 'mano, commenzaie a stennere lo filo, ma pe desgrazia, trasutole na resta de lino dintro l'ogna, cadette morta 'n terra.
La quale cosa visto la vecchia ancora zompa pe le scale a bascio. E lo nigro patre, 'ntiso la desgrazia soccessa, dapo' avere pagate co varrile de lagreme sto cato d'asprinio, la pose, dintro a lo medesimo palazzo che steva 'n campagna, seduta a na seggia de velluto, sotta a no bardacchino de 'mbroccato, e, chiuso le porte, abbannonaie pe sempre chillo palazzo, causa de tanto danno suio, pe scordarese 'n tutto e pe tutto la memoria de sta desgrazia.
Ma ienno fra certo tiempo no re a caccia e, scappatole, no farcone volaie dintro na fenestra de chella casa né tornanno a rechiammo, fece tozzolare la porta, credenno che 'nce abbitasse gente. Ma, dapo' tozzolato no buono piezzo, lo re, fatto venire na scala de vennegnatore, voze de perzona scaliare sta casa e vedere che cosa nce fosse dintro e, sagliuto 'ncoppa e trasuto pe tutto, restaie na mummia non trovannoce perzona vivente.
All'utemo arrivaie a la cammara dove steva Talia comme 'ncantata, che vista da lo re, credennose che dormesse, la chiammaie; ma, non revenenno pe quanto facesse e gridasse e pigliato de caudo de chelle bellezze, portatola de pesole a no lietto ne couze li frutte d'ammore e, lassatola corcata, se ne tornaie a lo regno suio, dove non se allecordaie pe no piezzo de chesto che l'era socciesso.
La quale, dapo' nove mise, scarricaie na cocchia de criature, uno mascolo e l'autra femmena, che vedive dui vranchiglie de gioie, li quale covernate da doi fate che comparzero a chillo palazzo, le posero a le zizze de la mamma. Li quale, na vota, volenno zucare né trovanno lo capetiello, l'afferraro lo dito e tanto zucaro che ne tiraro l'aresta, pe la quale cosa parze che se scetasse da no gran suonno e, vistose chelle gioie a canto, le dette zizza e le tenne care quanto la vita.
E mentre non sapeva che l'era accascato trovannose sola sola dintro a chillo palazzo, e co dui figlie a iato, e vedennose portare quarche refrisco de magnare senza vedere la perzona, lo re, allecordato de Talia, pigliato accasione de ire a caccia venne a vederela e, trovatola scetata e co dui cucchepinte de bellezza, appe no gusto da stordire. E, ditto a Talia chi era e comm'era passato lo fatto, fecero n'amecizia e na lega granne e se stette na mano de iuorne cod essa, e, lecenziatose co prommessa de tornare e portarenella, iette a lo regno suio, nomenanno a tutt'ore Talia e li figlie, tale che se manciava aveva Talia 'mocca e Sole e Luna , che cossì dette nomme a li figlie, si se corcava chiammava l'uno e l'autro.
La mogliere de lo re, che de la tardanza a la caccia de lo marito aveva pigliato quarche sospetto, co sso chiammare de Talia, Luna e Sole l'era pigliato autro caudo che de sole e perzò, chiammatose lo secretario le decette: «Siente cca, figlio mio: tu stai fra Sciglia e Scariglia, fra lo stantaro e la porta, tra la mazza agghionta e la grata. Si tu me dici di chi sta 'nammorato maritemo io te faccio ricco e si tu me nascunne sto fatto io non te faccio trovare né muorto né vivo».
Lo compare, da na parte scommuoppeto de la paura, dall'autra scannato da lo 'nteresse, ch'è na pezza all'uocchie de l'onore, n'appannatora de la iostizia, na sferracavallo de la fede, le disse de lo pane pane e de lo vino vino, pe la quale cosa la regina mannaie lo stisso secretario 'nome de lo re a Talia, ca voleva vedere li figlie. La quale co n'allegrezza granne mannatole, chillo core de Medea commannaie a lo cuoco che l'avesse scannate e fattone deverse menestrelle e saporielle, pe farele magnare a lo nigro marito.
Lo cuoco, ch'era teneriello de permone, visto sti dui belle pumme d'oro n'avette compassione e, datole a la mogliere soia che li nasconnesse, apparecchiaie dui crapette 'n cento fogge.
E venuto lo re, la regina co no gusto granne fece venire le vivanne e, mentre lo re mangiava co no gusto granne dicenno «Oh comme è buono chesto, pre vita de Lanfusa! oh comm'è bravo chest'autro, pe l'arma de vavomo!», essa sempre deceva: «Magna, ca de lo tuo mange!». Lo re doi o tre vote non mese arecchie a sto taluorno, all'utemo, sentuto ca continuava la museca, respose: «Saccio ca magno lo mio, perché non ce hai portato niente a sta casa!» e, auzatose co collera, se ne iette a na villa poco lontano a sfocare la collera.
Ma fra sto miezo, non sazia la regina de quanto aveva fatto, chiammato de nuovo lo secretario mannaie a chiammare Talia co scusa ca lo re l'aspettava, la quale a la stessa pedata se ne venne desiderosa de trovare la luce soia, non sapenno ca l'aspettava lo fuoco. Ma, arrivata 'nanze la regina, essa, co na facce de Nerone tutta 'nviperata, le disse: «Singhe la benvenuta, madamma Troccola! tu sì chella fina pezza, chella mal'erva che te gaude maritemo? tu sì chella cana perra che me fave stare co tanta sbotamiente de chiocca? và ca sì benuta a lo purgaturo, dove te scontarraggio lo danno che m'haie fatto!».
Talia, sentenno chesto, commenzaie a scusarese ca non era corpa soia e ca lo marito aveva pigliato possessione de lo terretorio suio quanno essa era addobbiata. Ma la regina, non volenno 'ntennere scuse, fece allommare dintro a lo stisso cortiglio de lo palazzo no gran focarone e commannaie che 'nce l'avessero schiaffata 'miezo. Talia, che vedde le cose male arrivate, 'ngenocchiatase 'nante ad essa la pregaie c'a lo manco le desse tanto tiempo che se spogliasse li vestite c'aveva 'n cuollo. La regina, non tanto pe meserecordia de la negra giovane quanto pe avanzare chille abete racamate d'oro e de perne, disse: «Spogliate, ca me contento».
E Talia commenzata a spogliarese, ogne piezzo de vestito che se levava iettava no strillo: tanto che, avennose levato la robba, la gonnella e lo ieppone, comme fu a lo levarese de lo sottaniello, iettato l'utemo strillo, tanno la strascinavano a fare cennerale pe lo scaudatiello de le brache de Caronte, quanno corze lo re e, trovato sto spettacolo, voze sapere tutto lo fatto, e, demannato de li figlie, sentette da la stessa mogliere, che le renfacciava lo tredemiento recevuto, comme 'nce l'aveva fatto cannariare.
La quale cosa sentuto lo nigro re, datose 'm preda de la desperazione, commenzaie a dicere: «Adonca so' stato io medesemo lupo menaro de le pecorelle meie! ohimè, e pecché le vene meie non canoscettero le fontane de lo stisso sango? ah, torca renegata e che canetudene cosa è stata la toia? và ca tu ne iarraie pe le torza e non mannarraggio ssa facce de tiranno a lo Culiseo pe penetenzia!».
E, cossì decenno, ordenaie che fosse iettata a lo stisso fuoco allommato pe Talia e 'nziemme cod essa lo secretario che fu maniglia de sto ammaro iuoco e tessetore de sta marvasa tramma; e, volenno fare lo medesemo de lo cuoco che se pensava c'avesse adacciariato li figli, isso iettatose a li piede de lo re le disse: «Veramente, segnore, non ce vorria autra chiazza morta pe lo servizio che t'aggio fatto che na carcara de vrase, non ce vorria autro aiuto de costa che no palo dereto, non 'nce vorria autro trattenimiento che stennerire e arronchiare dintro a lo fuoco, non 'nce vorria autro vantaggio ch'essere mescate le cennere de no cuoco co chelle de na regina! ma non è chesta la gran merzè che aspetto d'averete sarvato le figlie a despietto de chillo fele de cane, che le voleva accidere pe tornare a lo cuorpo tuio chello ch'era parte de lo stisso cuorpo».
Lo re, che sentette ste parole, restaie fora de se stisso e le pareva de 'nzonnarese, né poteva credere chello che sentevano l'aurecchie soie; po', votatose a lo cuoco, le disse: «Si è lo vero che m'haie sarvate li figlie singhe puro securo ca te levarraggio da votare li spite e te mettarraggio a la cocina de sto pietto a votare comme te piace le voglie meie, dannote premmio tale che te chiammarraie felice a lo munno!».
Fra tanto che lo re deceva ste parole, la mogliere de lo cuoco, che vedde lo besuogno de lo marito, portai la Luna e lo Sole 'nanze lo patre, lo quale iocanno a lo tre co la mogliere e li figlie faceva moleniello de vase mo coll'uno e mo coll'autro; e, dato no gruosso veveraggio a lo cuoco e fattolo gentelommo de la cammara soia, se pigliaie Talia pe mogliere, la quale gaudette longa vita co lo marito e co li figlie, canoscenno a tutte botte ca a chi ventura tene quanno dorme perzì chiove lo bene.