Multilingual Folk Tale Database


Information

Author: unknown author

Translated into Italian
  by Selvaggia Cerquetti - 2012

Based on Ananse eni Akekrehemaa

Country of origin: Ghana

Story type: The Fox and the Crane Invites Each Other (ATU 60)

Translations

Afrikaans - viewaligned

Aragonese - viewaligned

Basque - viewaligned

Catalan - viewaligned

Danish - viewaligned

Dutch - viewaligned

English - viewaligned

French - viewaligned

Galician - viewaligned

German - viewaligned

Italian - aligned

Judaeo-Spanish - viewaligned

Mapuche - viewaligned

Neapolitan - viewaligned

Nzema - viewaligned

Occitan / Aranese - viewaligned

Portuguese - viewaligned

Russian - viewaligned

Spanish - viewaligned

Venda - viewaligned

Zulu - viewaligned


Add a translation

Il ragno e la tartaruga

Selvaggia Cerquetti

Un giorno il ragno Anansi raccolse dal suo giardino della verdura molto grande e squisita. La cosse con pazienza e attenzione al forno, aveva davvero un buon odore. Non vedeva l'ora di sedersi a mangiarla.

In quel momento qualcuno bussò alla porta. Era Tartaruga che aveva viaggiato tutto il giorno ed era molto stanca e affamata.

"Ciao, Anansi", disse Tartaruga. "Ho camminato a lungo e ho sentito il miglior profumo di verdura della mia vita. Saresti così gentile da dividere la tua cena con me?"

Anansi non poteva dire di no perché nel suo paese era abitudine condividere il cibo con gli ospiti. Ma non era particolarmente felice perché era un po' egoista e voleva tenersi quella squisita verdura solo per sé. Così Anansi ci pensò su un po' ed escogitò un piano.

"Per favore, entra, Tartaruga. Sarà un onore averti come ospite stasera. Siediti, questa è la tua sedia, e serviti. "

Tartaruga entrò e si sedette, ma quando stava per assaggiare la verdura Anansi gridò: "Tartaruga, non sai che è maleducazione sedersi a tavola con le mani sporche?"

Tartaruga si guardò le mani e vide che erano sporche. Aveva gattonato tutto il giorno e non aveva avuto modo di lavarsele. Quindi si alzò e andò al fiume a lavarsi i piedi. Camminò, lenta come tutte le tartarughe, per tutta la strada fino a casa e quando tornò Anansi aveva già iniziato a mangiare.

"Non volevo che questa squisita verdura si raffreddasse, per cui ho dovuto iniziare", disse Anansi. "Ma per favore, unisciti adesso, Tartaruga".

Tartaruga si sedette di nuovo e prese un po' di verdura, ma Anansi gridò di nuovo.

"Tartaruga, non hai sentito cosa ti ho detto prima? È maleducazione sedersi a tavola con le mani sporche!"

Abbassò lo sguardo e vide che le mani si erano sporcate di nuovo poiché le aveva dovute usare per trascinarsi e tornare a casa. Quindi si avviò di nuovo verso il fiume per lavarsele. E questa volta, quando tornò indietro, ebbe l'accortezza di camminare sull'erba per non sporcarle di nuovo. Ma quando arrivò a tavola, Anansi aveva già terminato tutta la squisita verdura e non ne restava neanche un boccone.

Tartaruga guardò Anansi per un istante e poi disse: "Grazie per aver condiviso con me il tuo cibo. Se un giorno capiti dalle parti di casa mia, per favore, permettimi di ricambiare il favore". E poi, lentamente, uscì dalla porta e se ne andò per la sua strada.

Passarono i giorni e Anansi pensava sempre di più alla cena che la tartaruga gli aveva promesso. La sua voglia di mangiare gratis cresceva e, alla fine, non riuscì più a contenerla. Decise un giorno di incamminarsi e andare a cercare la casa di Tartaruga.

Trovò Tartaruga sulla riva di un fiume a prendere il sole proprio verso l'ora di cena.

Tartaruga alzò lo sguardo, lo vide e disse: "Ciao Anansi, sei venuto a cenare con me?"

"Oh, sì sì!" disse Anansi, che col passare dei minuti aveva sempre più fame. Tartaruga se ne andò a preparare la tavola per la cena nella sua casa sottacqua. Poi tornò a riva e disse: "La cena è servita e il tuo posto ti aspetta. Per favore, seguimi Anansi".

E poi si immerse e iniziò a mangiare lentamente.

Anansi si tuffò in acqua, ma non riuscì a raggiungere il fondale del fiume. Cercò di nuotare verso il basso, ma era così leggero che il suo corpo risaliva ogni volta in superficie.

Cercò di immergersi e di nuotare sul dorso. Provò a saltare in corsa, ma niente lo aiutava a raggiungere il fondale del fiume.

Intanto la tartaruga masticava lentamente la cena.

Anansi non voleva rinunciare a una cena gratis e ritornò a riva pensando a come fare. Alla fine ebbe un'idea. Iniziò a raccogliere sassi e pietre e a metterle nelle tasche della giacca.

Così, quando entrò in acqua, affondò e riuscì a prendere il suo posto a tavola.

La tavola era un banchetto di cibo delizioso. Anansi non riusciva a credere alla quantità di cibo squisito che aveva davanti agli occhi e non poteva aspettare oltre.

Ma quando si accinse a dare il primo boccone, Tartaruga smise di mangiare e disse: "Nel mio paese, la giacca a tavola non si indossa mai. "

Anansi vide infatti che Tartaruga, prima di sedersi, si era tolta la giacca. Anansi iniziò a togliersi la giacca e, non appena la sfilò dalle spalle, salì di nuovo dritto in superficie. Mise la testa sottacqua e vide Tartaruga, lì sotto, godendosi lentamente quel meraviglioso banchetto.